Informazioni, documenti …

Print Friendly, PDF & Email
 

Mattiussi primo in regione (classifica Fondazione Agnelli)

Giorni di decisioni nelle famiglie dei ragazzi di terza media alle prese con la scelta del percorso superiore. Come ogni anno, la Fondazione Agnelli arriva in soccorso con “Eduscopio” il motore di ricerca che dà una fotografia delle performance degli istituti sia statali sia parificati, indicando classifiche per ogni indirizzo scolastico. Il Mattiussi emerge come primo della Regione Friuli Venezia Giulia tra gli Istituti Tecnici Economici (ITSSE).

La graduatoria è costruita in base alla media dei voti e ai crediti ottenuti nel primo anno di carriera universitaria, calmierata in base alla difficoltà del percorso accademico, l’indice di occupazione entro i primi due anni dal diploma. La novità più rilevante di quest’anno è l’aggiunta di un indicatore chiamato Percentuale di diplomati in regola. Si tratta di un indicatore importante, perché dice per ogni scuola quanti studenti iscritti al primo anno hanno raggiunto senza bocciature il diploma 5 anni dopo. 

Link: eduscopio

Link: criteri con cui viene elaborata la classifica

 

Convenzione Internazionale per i diritti dei bambini

E’  ampia e convinta l’adesione da parte dell’ITSSE O.Mattiussi, all’iniziativa proposta dall’Unicef assieme a Cinemazero: la proiezione del film “Gramigna, volevo una vita normale “ (del 2017, per la regia di Sebastiano rizzo), il 20 novembre, in occasione della  giornata che ricorda la firma della Convenzione internazionale per i diritti dei bambini, avvenuta il 20 novembre del 1989. Infatti, sono ben 6 le classi che parteciperanno, per un totale di 180 allievi. Queste classi, hanno intrapreso già dallo scorso anno un percorso di riflessione e di ricerca sul tema della mafia e della legalità.

Continua a leggere…Convenzione Internazionale per i diritti dei bambini

Gazzetta del Mattiussi nr. 1/2018-19

Pubblicata la Gazzetta n. 1 del 2018/2019 con articoli sulla mostra su Sironi, sul progetto Mission 2.0, sugli allievi che partecipano all’esperienza di lettura di fiabe in biblioteca civica, sul progetto Voce Donna e tanto altro